CIVISMO E PARTECIPAZIONE

Sodoma, Gomorra e la PIramide di Maslow

Shares Share

La distruzione delle “dissolute” città di Sodoma e Gomorra è raccontata nel libro della Genesi.

La loro colpevolezza era un peccato di arroganza, indifferenza e di empietà.

Oggi i novelli purificatori sono rappresentati dal movimento pentastellato che al grido di “Honestà, honestà, honestà”, unti dal Signore, hanno la missione di punire gli empi che hanno governato prima e colpire, senza processi, i colpevoli.

Una recente indagine del CENSIS dimostra che l’Italia è un paese dove si fa strada, sempre di più, il rancore. La ripresa economica nei settori trainanti, il manifatturiero e turismo da record, ha portato alla ripresa dei consumi e confermato il primato nello stile di vita degli italiani che cercano un benessere soggettivo nella felicità quotidiana. Persistono, tuttavia, trascinamenti inerziali da maneggiare con cura: il rimpicciolimento demografico del Paese, la povertà del capitale umano immigrato, la polarizzazione dell’occupazione che penalizza l’ex ceto medio. L’immaginario collettivo ha perso la forza propulsiva di una volta e non c’è un’agenda sociale condivisa. Ecco perché risentimento e nostalgia condizionano la domanda politica di chi è rimasto indietro. La paura del declassamento è il nuovo fantasma sociale. Ed è un elemento costitutivo della psicologia dei millennials: l’87,3% pensa che l’ascesa sociale sia molto difficile e il 69,3% che al contrario sia molto facile il capitombolo in basso.

Il reddito di cittadinanza è il toccasana da destinare al popolo sottoposto alle angherie dei Governi precedenti.

Ma se si afferma, che la manovra del popolo è espansiva, l’assunto crea non solo imbarazzo ma irritazione

I motivi principali sono due:

  • La crescita all’1,5% ipotizzata per il 2019 che nessun operatore economico condivide poiché secondo le più rosee previsioni si attesterà sullo 0,9- 1%, quindi mezzo punto in più.
  • Il deficit strutturale che doveva diminuire dello 0,3% con concessione fino allo 0,1% (in altra situazione, non conflittuale come l’attuale) aumenterà invece dello 0,8%.

Senza entrare nei dettagli, appare evidente che ai conti mancano circa dieci MLD che, si dice, saranno recuperati dalla spending review , che finora non è riuscita a nessun Governo, e col taglio alle detrazioni che significa aumento delle tasse per i cittadini.

E’ evidente che l’Europa boccerà la manovra e per la prima volta passerà alle sanzioni, mai applicate prima anche per l’aria di scontro che sussiste.

Ricordo che le sanzioni sono lo 0,2% del PIL e l’obbligo di far rientrare il debito di 1/20 l’anno del PIL, il che significa, in poche parole, default.

In un paese a debole crescita e forte indebitamento come l’Italia, i sussidi devono essere una percentuale subordinata e proporzionale del tasso di crescita, non la priorità com’è per i populisti di ogni colore. La povertà o si riduce col lavoro o non si ridurrà mai.

Inutile fare commenti sulla card che renderà “ attuabile” il reddito di cittadinanza. Per quanto si sa:

  • L’importo riconosciuto è pari alla differenza tra quanto si percepisce e un massimo di 780 euro (chi farà questi controlli e chi guadagna meno di 700 € al mese cosa farà?)
  • L’importo massimo diventa 390 euro (50%) per chi possiede una casa;
  • I soldi si possono usare solo tramite una Carta per acquistare solo i beni previsti nel paniere: sono esclusi prodotti “amorali”.
  • Chi percepisce il reddito deve lavorare un certo numero di ore gratuite per la collettività e rinunciare agli 80 € erogati da Renzi.
  • Ci saranno tre proposte di lavoro proposte dai centri d’impiego (dove sono?), rifiutate le quali non si avrà più diritto al reddito. Tra le cause di rifiuto, udite, udite, c’è la distanza dalla propria residenza.

Poiché tutto girerà su una piattaforma digitale. A questi “poveri individui”, bisognerà spiegare qualcosa d’informatica e fornirli dello schema della piramide di Maslow.

Poi essendo la platea conclamata di circa sei milioni di poveri come si distribuiranno i nove MLD? Un caffè al giorno per tutti.

424accessi

L'Italia Che Verrà