Europa

Il 21 marzo insieme con la bandiera dell’UE

Shares Share

Insieme sotto la bandiere dell’Unione europea per richiamare i nostri valori comuni di pace, democrazia, libertà, solidarietà e rispetto dei diritti umani in ogni loro espressione.

Questo l’appello di Romano Prodi che per il prossimo 21 marzo, ha proposto a noi tutte e tutti di esporre alla finestra la bandiera dell’Unione europea. Un gesto semplice ma di grande significato perché la bandiera europea è il simbolo più comprensibile e immediato che noi possediamo. Attraverso questo gesto ognuna e ognuno di noi potrà dimostrare la propria scelta o il proprio rifiuto al grande disegno dell’Europa unita che nel nuovo mondo globalizzato può contribuire a dare un senso nuovo non soltanto alla vita individuale delle donne e degli uomini che la vivono, ma anche al loro destino collettivo.

E’ chiaro che i problemi ci sono, ma l’Unità europea è necessaria. La crisi economica, finanziaria, sociale e di sistema che sta attraversando ha messo in risalto questi due aspetti: la necessità di Europa e le difficoltà a realizzarla. E qui dobbiamo essere tutte e tutti consapevoli che l’Europa non va avanti se i governi non la trascinano. Infatti, il danno principale di un’Europa che si accontenta delle infinite discussioni tra governi è proprio quello di non includere le donne e gli uomini che la popolano e la vivono. L’Unione economica, monetaria, fiscale e bancaria; il risanamento delle finanze pubbliche e il varo di riforme strutturali a livello nazionale hanno una loro importanza e un loro significato. Ma da soli non bastano a ravvivare lo spirito europeista delle cittadine e dei cittadini. C’è un urgente bisogno di un’Unione più solida e sostanziale, che attiene ai valori, cioè alla donna e all’uomo con i loro diritti, doveri e la loro dignità inalienabili.

Per evitare il rischio che il senso di appartenenza a uno spirito e una civiltà europea sia soppiantato da posizioni estremiste antieuropeiste e isolazioniste, serve una nuova ripartenza.

Serve ripensare l’Europa. Serve immaginare l’Europa del futuro, le sue Istituzioni, la politica, la rete dei suoi diritti.

Qui sta l’importanza delle prossime elezioni europee, alle quali molte cittadine e molti cittadini guardano con senso di smarrimento e distacco, tralasciando la nostra storia e insieme ad essa i risultati fin qui raggiunti: primi fra tutti la pace e la sicurezza. Anche per questo iniziative comuni che coinvolgono i singoli e la rete dell’associazionismo e del volontariato rappresentano un’occasione importante per condividere ragioni, valori e speranza.

La data del 21 marzo richiama il primo giorno della primavera e ci ricorda anche San Benedetto patrono d’Europa, ma è anche la giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie; facciamo in modo che diventi anche la giornata del risveglio della fiducia nella costruzione di una nuova Europa.

Leave a Reply