L'ITALIA CHE C'E'

Orban alla padana: peggio non poteva andare, meglio nemmeno

Shares Share

Orban alla padana, è sotto questo segno che marcia l’Italia che si avvia a rivotare.

Orban all’ungherese è il capo di governo che teorizza e pratica la democrazia illiberale. Non gli sembra una contraddizione, gli appare una rivelazione. E la rivelazione è che la democrazia è lusso e vizio se non le si raddrizza la schiena col bastone ortopedico delle libertà a raggio e movimenti ridotti. Orban all’italiana, al secolo Matteo Salvini, è ciò che probabilmente ci aspetta. Il nome della lista già s’annuncia: Lega Italia. Prima o poi, più prima che poi, suo sarà il governo.

Orban alla padana, sarà il governo del morte alle legge Fornero. E le masse plaudiranno. Sarà il governo del facciamo deficit e chi se ne frega. E le masse plaudiranno. Sarà il governo del nostro impavido petto contro le intrusioni altrui nella nostra economia. Sarà il governo della spesa pubblica per tutti gli italiani, per prima gli italiani…coi soldi degli europei. A dirla tutta il detto popolare che riassume la politica del prossimo governo Orban alla padana è assai più volgare, diciamo che contiene il concetto del pagare il proprio piacere con parti del corpo…altrui. E le masse plaudiranno.

Orban alla padana è già ormai Orban all’italiana o almeno ci si avvia. E’ il più ambito e ammirato in tv, la fidanzata è già una first lady, il suo incedere verbale è già uno stile. Orban tricolore dirà che gli stranieri se vengono dal sud o dall’est malamente diluiscono la buona razza italiana e che quindi vanno fermati almeno sul bagnasciuga se vengono dal mare. E che 600 mila li ricacciamo in mare, magari un po’ alla volta. Prima i nigeriani che sono i più cattivi e, come ognun sa, di norma tagliano a pezzi cadaveri. E le masse plaudiranno.

Orban tricolore sarà l’esito delle elezioni bis, se e qunado elezioni bis saranno.

C’era alternativa? Sì, certo. C’era e forse ancora ci sarà la padella invece che la brace. C’era e c’è e ci sarà M5S secondo cui la democrazia è colpo di Stato se non governa M5S. C’era e c’è e ci sarà M5S che se governa M5S l’euro ci sta come pecorella che si tosa, se non governa M5S l’euro è cane rognoso da scacciare. C’era e ci sarà M5S dello scugnizzismo arrogante. Ma soprattutto l’alternativa a Orban tricolore era, è stata, potrebbe essere l’alleanza tra M5S e Orban tricolore. Quasi quasi, è cronaca fresca, chi si somigliava si prendeva.

Orban all’italiana, l’alternativa più contemporanea. Oppure M5S il movimento culturale più anti moderno che c’è, il movimento che ha in sospetto e dispetto la democrazia delegate, i corpi intermedi, le competenze e le scienze. Padella o brace? E pensare che nel Pd è pieno di chi ha molto ponzato e ancora ponza sulla salubrità che il paese sia cotto nella padella piuttosto che sulla brace.

Non poteva andare peggio in queste elezioni e post elezioni e nelle elezioni bis che si annunciano. Ma neanche poteva, a ben guardare, andare meglio. Forze e processi profonde e potenti lavorano perché davvero si assista alla fine del secolo della democrazia. La democrazia nata in occidente dopo la seconda guerra mondiale, la democrazia dei Parlamenti e degli Stati e del Welfare e dei partiti, dei cittadini, della volontà popolare negli argini e alvei delle Costituzioni, della tolleranza, della libertà di pensiero ed espressione, del razzismo e Stato etico mai più.

Tutto questo sta, se non morendo, ansimando senz’aria nei polmoni. Tre forze potenti stanno scavando la fossa al secolo della democrazia.

  • I soldi: tra cinque anni i regimi autoritari sparsi sul pianeta avranno realizzato il sorpasso sulle democrazie in termini di ricchezza prodotta.
  • Le migrazioni: 250 milioni di migranti sul pianeta generano in quota parte in quello che è l’Occidente democratico una gigantesca reazione di rigetto e una ribellione dio popolo contro il pluralismo e la mescolanza.
  • Internet, la Rete che allevano colture di culture anti democratica non contrastabili.

Macron l’ha chiamata possibile guerra civile europea, qualche analista parla di caduta prossima delle democrazia occidentale per un processo assimilabile alla guerra patrizi-plebei che determinò la fine della Repubblica Roma. Nel nostro piccolo e a nostra misura ci tocca Orban alla padana. Peggio non poteva andare, meglio nemmeno.

Lascia un commento

L'Italia Che Verrà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra verso terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi