L'ITALIA CHE C'E'

Pd, perchè no a governo con M5S? Per civile dignità

Shares Share
Italia che c’è eccola: migranti via e reddito pagato dallo Stato a fine mese a casa. Sono questi il corpo e l’anima del voto del 4 marzo 2018. Il resto è contorno e non sostanza. Sono questi gli ingredienti base. Questo ha voluto il popolo sovrano, questa è la volontà popolare. Non sono cittadini che…sbagliano. E’ volontà popolare in piena coscienza, ben capace di intendere e volere.
Italia che c’è eccola: governo Di Maio-Salvini. O governo Di Maio o governo Salvini. Due vincitori, un governo. Oppure il governo di uno dei due. A soddisfare e ad adempiere al migranti via dalle strade e dalle palle e reddito di cittadinanza. Ottocento euro al mese di Stato recapitato a casa, 1.600 se coppia con due figli. Dove lo trovi un lavoro che ti dà da ottocento a 1.600 sicuri e di diritto?
Italia che c’è eccola: altro che delusi dalla sinistra. La volontà e il popolo sovrano non è delusa dalla sinistra. Tutt’altro, è entusiasta di votare Di Maio e Salvini. Gli operai votano M5S o Lega. I giovani votano M5S o Lega. Sanno quello che fanno.
Italia che c’è eccola: la Pubblica Amministrazione più inefficiente e la burocrazia più onnipotente che fanno di M5S il re dei cuori e delle menti dei dipendenti pubblici. Nessuna altra categoria vota per M5S come i pubblici dipendenti: 41 per cento! Non è che si sbagliano, hanno individuato con precisione il loro interesse di conservazione immobile.
Italia che c’è eccola: nessuna voglia reale di buon governo. A Roma che in ogni strada e percorso è una Parigi-Dakar, a Roma lasciata invivibile da un anno e mezzo di non governo Raggi, M5S cala di soli 6 punti percentuali nella raccolta voti. Dal 35 al 29 per cento. Dove, se il parametro del consenso fosse quello del buon governo o semplice governo il calo avrebbe dovuto essere, ad essere gentili, dal 35 al 15 per cento. Eccola l’Italia che c’è: lucida e pressante richiesta di non governo e/o di governo pagatore di assegno a fine mese.
Italia che c’è eccola: qualcuno nel Pd pensa, lavora, concepisce di dare una mano o di non fare ostacolo al governo Di Maio. Forse, per crudele astuzia della storia, proprio da questa voglia folle di ammansire cittadini che…sbagliano potrà venire il massimo della eterogenesi dei fini. Nel no al governo o maggioranze con M5S ciò che resta del Pd potrà trovare dignità, orgoglio, identità.
Italia che verrà…Mario Monti si è lasciato andare, ha detto che nell’Italia che verrà se così va “meglio non nascerci”. Ha detto Monti che se si mischiano e sommano flat tax e reddito di cittadinanza chi ci andrà a nascere nell’Italia che verrà sarà vittima, non metaforicamente parlando, della volontà popolare dei suoi genitori.
Ha detto Monti con aristocratica, insopportabile alterigia che sommando assistenza e assistenza e assistenza nel paese dei furbi e indolenti e  flat tax nel paese degli evasori fiscali…Speriamo Monti si sbagli, ma chi di speranza campa…
Ma se poi, vedrai, flat tax e reddito di cittadinanza e tutti assunti dallo Stato e di nuovo pensioni a 62 anni non glieli danno davvero al popolo sovrano…Se non glieli danno davvero perché non si può, vedrai che saranno cittadini che capiranno, verificheranno, rinsaviranno. Errore: se non glieli danno davvero, volontà popolare e popolo sovrano incattiviranno. Di più? Sì, di più.

Lascia un commento

L'Italia Che Verrà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra verso terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi