L'ITALIA CHE C'E'

Salvini un classico della storia, è Di Maio la peggio storia

Shares Share

Salvini: dal Me ne frego! al Me ne fotto! (con esplicita citazione del Vate D’Annunzio). La differenza è grande così, come quella che passa tra un Me ne frego e un Me ne fotto. Chi è che non la vede e non la apprezza la differenza? Solo un orbo o un puzza al naso.

Luigi di Maio e Matteo Salvini, come Totò e Peppino in un fotomontaggio dal film “Totò, Peppino e la Malafemmina” (fonte: NextQuotidiano)

Salvini e altre desinenze di politici cognomi in ini. C’è differenza? Un sacco di differenze: un secolo, un mondo di differenze. Però la cultura…Il come parli e scrivi, si sa, è il come pensi. Quindi culturalmente la differenza è tra Me ne Frego e Me ne Fotto. Tutto qui.

Per la cronaca, ciò di cui Salvini ha dichiarato Me ne Fotto è il volergli attribuire una responsabilità sia pure indiretta, una responsabilità politica se qualcuno prende troppo alla lettera il concetto di ruspa e magari spara con pistola a piombini contro i rom e magari colpisce una bambina e magari questa resta paralizzata…

Come dice Salvini, questa è una fesseria se si guarda all’effettivo rapporto causa-effetto. Però non proprio una fesseria se ci si riferisce alla pedagogia sociale. Comunque Salvini non dice Me ne Frego, dice Me ne Fotto. E’, come ognun vede, culturalmente diverso.

Salvini è un classico della storia, una carta nota nel mazzo della storia. E Salvini è sincero, onesto, quello che è non lo nasconde. Di lui ci si può in certo modo fidare: farà tutto quello che potrà fare di quel che fanno nella storia i Me Ne Fotto!

Non è Salvini la peggio storia. Non qui e oggi. E neanche negli ideal tipi umani che la Storia propone. La peggio storia è Di Maio. Di Maio certo di essere il Giusto del popolo e quindi ferocemente sicuro che sia nobile giusta qualunque azione, parola, bugia, dissimulazione perché trionfi e domini la causa del popolo. Di Maio che si sente e si comporta per quel che può da purificatore e inquisitore. Di Maio bravo ragazzo della brava gente, quella brava gente che ha sempre prodotto, voluto, appoggiato la peggio storia.

Di Maio che una desinenza in ini gli starebbe a pennello anche se il cognome non combacia per nulla. Di Maio…Khomeini. L’anti modernità, la legislazione etica, Stato e popolo fusi in comunione, la caccia ai nemici del popolo…Infatti ai tempi buona parte della sinistra si fece sedurre da Khomeini, lo individuò come giusto del popolo e salutò da democratica rivoluzione verde. Peccato fosse una teocrazia, appunto la peggio storia.

L'Italia Che Verrà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra verso terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi