Roma Capitale

Il futuro di Roma parte anche dall’ICT, dalla farmaceutica e dall’aerospazio.

Shares Share

Un progetto di sviluppo per Roma non può prescindere da questi settori trainanti, oggi trascurati dalla Giunta Raggi.

Dai dati sul secondo trimestre 2017 presentati da Intesa SanPaolo nel report sui poli tecnologici del Lazio, emerge che l’export del polo farmaceutico laziale è cresciuto del 2,6%, mentre quello dell’aeronautica è aumentato  del  17,5%.  A questo risultato positivo si contrappongono i dati nel report Calenda sul mercato dell’edilizia, che vede un crollo del  25% negli ultimi otto anni e sulla profonda trasformazione del commercio e turismo, che vede il calo delle imprese strutturate e l’aumento di microimprese come ambulanti e affittacamere.

Per lo sviluppo economico di Roma e della sua area metropolitana è quindi fondamentale conoscere e potenziare quei settori trainanti, che negli ultimi anni sono stati trascurati a causa di una visione pauperistica e antiscientifica di molti esponenti  grillini.

Farmaceutica e Scienze della vita

Il Lazio è la prima regione italiana per l’export farmaceutico (8 Mld di Euro nel 2016) e la seconda per il numero di  operatori impegnati nella ricerca farmaceutica e nelle biotecnologie. In questo settore operano nel Lazio 12 Università e 48 Istituti di Ricerca, integrati da 218 Laboratori di Ricerca e 5 Parchi scientifici. La maggior parte di queste strutture operano nell’area metropolitana di Roma.

Anche per questo il Piano Industriale per Roma proposto da Calenda prevede di creare nella Capitale un Hub delle Scienze della Vita, che abbia un rilievo internazionale, che operi nei settori della Farmaceutica, del Biomedicale e delle Biotecnologie e che metta in rete le Istituzioni scientifiche/amministrative con il mondo delle imprese/startup,   stimolando lo sviluppo economico su tutta la filiera, dalla ricerca di base alla produzione.

Il settore dell’Aerospazio  

In questo campo operano nell’area romana grandi aziende come Thales Alenia Space, Avio e Telespazio. Si tratta di aziende ad alta tecnologia, che sviluppano ricerche e forniscono servizi non solo in campo aeronautico, ma anche nei settori  ICT, Cybersecurity e Smart City.

Il 18 dicembre 2017 Thales Alenia ha ricevuto dalla Presidente Boldrini il Premio nazionale per l’innovazione.   Il 13 dicembre il missile Ariane5 ha portato in orbita un altro dei 24 satelliti Galileo per il geo-posizionamento ad altissima precisione, grazie ai motori a propulsione solida e ad altri equipaggiamenti realizzati dalla Avio di Colleferro.

Telespazio ha circa 2.500 dipendenti, dispone di una rete internazionale di centri comunicazione per satelliti, opera in tutto il mondo ed ha la direzione generale a Roma sulla via Tiburtina.

Il settore dell’Aerospazio  svolge quindi un ruolo importante nell’area romana per l’occupazione e l’innovazione ed il Piano Industriale proposto da Calenda prevede appunto di accompagnare con progetti pilota lo sviluppo delle aziende operanti in questo settore.

Il settore dell’ICT 

Nell’area romana si concentra un numero significativo di imprese ICT (Information and Communications Technology), in continuo aumento con la nascita di nuove start-up.  I programmi per la digitalizzazione della P.A. rappresentano un mercato importante per questo settore, che negli ultimi anni si sta concentrando anche sui processi di automazione incentivati dal piano Industria 4.0 e che può recuperare il ritardo di Roma nei processi di adeguamento ad una Smart City.   Le imprese ICT sono distribuite sull’intera area romana, anche se una concentrazione maggiore si trova nel Tecnopolo Tiburtino, dove il 40% delle aziende presenti operano nel settore ICT.  Una maggiore integrazione tra le aziende ICT e i poli universitari romani, che già operano nel campo dell’Intelligenza Artificiale e dell’informatica avanzata, può rappresentare uno strumento utile per mantenere sempre vivo l’aggiornamento e la ricerca in questo settore avanzato.

In conclusione, un progetto riformatore, che voglia far uscire Roma e la Città metropolitana dalla paralisi delle non scelte grilline, non può prescindere dal ruolo che questi settori avanzati possono rappresentare per un rilancio del ruolo produttivo e di innovazione che la Capitale del paese può e deve rappresentare.

ariane
Thales Alenia Space

Leave a Reply